Omicidio in strada a Roma. La vittima, Nicusor Prosu, ventisettenne di origine romena, è stato ucciso con diversi colpi di pistola sotto un cavalcavia all’incrocio tra via Val d’Ala e via Prati Fiscali, poco prima delle quattro del pomeriggio.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia Montesacro e del Nucleo investigativo di via In Selci.  Tra le motivazioni dell’omicidio potrebbe esserci una donna contesa. Secondo una prima ricostruzione, il ventisettenne stava camminando in strada con una ragazza, quando il killer si è avvicinato: dopo una breve colluttazione, l’aggressore ha sparato ed è scappato in auto con la donna, facendo perdere le proprie tracce.

In serata i carabinieri hanno fermato due persone a Tivoli: sarebbero l’uomo e la donna coinvolti nell’omicidio. I due erano in auto e sono stati rintracciati grazie ai controlli messi in campo dai militari e ad alcune testimonianze, secondo le quali a sparare sarebbe stato un italiano, una guardia giurata, accompagnato da una prostituta romena.  La coppia è stata portata in caserma per un interrogatorio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I governi e la violenza

prev
Articolo Successivo

Messinscena Formigoni: il vincitore del ForMaglione? Marito di una collaboratrice

next