“Mumble:” non è un fumetto, una gomma da masticare e nemmeno un mugugno a denti stretti. “Mumble:” è un giornale indipendente creato da ragazzi, studenti, precari, gente che vive nella bassa emiliana e che un giorno ha deciso di cominciare a scrivere. Testimoni diretti del terremoto del maggio scorso, sono da mesi in prima linea per la ricostruzione della loro città e la loro battaglia passa attraverso la cultura. Per questo, domenica 11 novembre 2012 la Rocca di Formigine ospiterà la terza edizione del Festival Indidee – Editoria Dal Basso Per Una Rassegna Indieota organizzato e ideato da “Mumble:” e che raccoglie redazioni di riviste indipendenti, fanzine, blogmag e WebTv provenienti da tutta Italia. Una rassegna unica nel suo genere che all’interno della kermesse di corti cinematografici Ozu Film Festival, permetterà di presentare progetti d’eccezione e rigorosamente indipendenti che, malgrado la mancanza di fondi e finanziamenti, riescono ad avere uno spazio per comunicare e creare. Un messaggio di rinascita culturale che la redazione modenese ha cercato in tutti i modi di poter garantire anche e soprattutto in questo difficile anno.

Era il maggio 2012 e crollava la torre di Finale Emilia, quella sotto cui metà della redazione è nata e cresciuta. Crollavano case e palazzi e quel gruppo di persone decideva di rimboccarsi le maniche per reagire ad una terra che trema e che toglie certezze. Un sito internet, la scelta di far fronte ad una situazione difficile e tanta paura: la raccolta fondi organizzata dai ragazzi del giornale indipendente è nata così, un po’ per scherzo e un po’ per prova, quasi a vedere l’effetto che fa. 40 000 euro sono arrivati nel giro di poche settimane, un risultato sorprendente e testimone di una solidarietà di cui forse anche i “mumbliani” si sono sorpresi. E da lì non si sono più fermati. “L’obiettivo della manifestazione quest’anno, – raccontano gli autori, – oltre a quello consueto dell’impaginazione di un numero speciale costruito grazie ai contributi delle redazioni partecipanti, è quello di indagare da un punto di vista alternativo lo stato della ricostruzione post sisma, nella nostra martoriata Emilia”.

Garantire un occhio critico in un processo lungo e doloroso come la ricostruzione di un paese dopo il sisma. Questo l’obiettivo di “Mumble:” che in occasione di Indidee presente due progetti di grande interesse, come raccontano: “Insieme alle redazioni de Il Rasoio, Appunto e FuoriTv abbiamo lavorato fianco a fianco per produrre un’ inchiesta giornalistica, composta da una sezione scritta e una video. La prima è già una realtà tangibile: si intitola Fratture. Storie dal Sisma ed è una raccolta di articoli e racconti edita da Elis Colombini Modena, i cui guadagni sono destinati alla ricostruzione”. La seconda invece, è caratterizzata dalla produzione di un documentario che verrà presentato in anteprima proprio domenica 11 novembre 2012 e alla presenza di due ospiti d’eccezione Beppe Cottafavi e Loris Mazzetti. Nel pomeriggio, alle ore 16, è previsto anche l’ incontro pubblico con lo scrittore che vestirà i panni di giudice nel contest letterario che si terrà durante il pomeriggio (il Tagliacorto!): Alberto Garlini, autore de La legge dell’odio.

Indidee è un luogo di incontro tra scrittori e sognatori che, al di là di difficoltà economiche e ostacoli di pubblicazione, danno vita a progetti e riescono a farli vivere. “Il fenomeno dell’editoria indipendente si sta diffondendo a ritmi impressionanti in tutto il mondo, – raccontano dalla redazione di Mumble:, – Sempre più scrittori, fotografi, artisti e designer danno vita a proprie testate giornalistiche, sia cartacee che virtuali, lavorando appassionatamente senza sentirsi costretti da vincoli di tipo commerciale, finanziario o politico. Queste redazioni modellano la cultura letteraria, giornalistica e artistica dei giorni nostri, secondo le loro visioni. Ed è proprio questa concezione di editoria, questo continuo crowdsourcing, a rendere i magazine indipendenti un laboratorio di sviluppo per l’arte, la letteratura e il giornalismo moderni”. Loro ci credono e lanciano la sfida. E sono tante le riviste indipendenti che hanno già risposto presente all’appello: Sottobosco, Appunto, Rasoio, FuoriTv, ConcretamenteSassuolo, SentireAscoltare, LoveAndSound, La Piattaforma, Giuda Edizioni, OcchiAperti, Rumorama, Habanero, Inutile, UpAndComingStyle, Collettivo Mensa, Foglio Clandestino, Tragetto MangiaMerda, Gagarin, Lamette, BarabbaLog, Youthless, Seconda Vista, La Rotta Per Itaca, La Volpe & Il Corvo, Follelfo, Ernest, Il Caso S. Per chi fosse interessato qui si può trovare il programma completo della giornata: http://www.mumbleduepunti.it/site/index.php/secondo-festival-stampa-indipendente/

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Interrogatorio per Solaroli. Firmò la determina sulla segretaria di Bersani

prev
Articolo Successivo

Schultz: “Vergognoso atteggiamento sul terremoto di alcuni Paesi”

next