Nicole Minetti lo ripete tre volte: “Ri-nun-cio. Rinuncio al vitalizio di 1.300 euro”. Ma ci tiene subito a precisare che lo fa perché ci sono degli impedimenti oggettivi, con buona pace di Simona Ventura che, nello studio di “Cielo che Gol”, cercava di farle “prendere dei punti” con una dichiarazione ad effetto, come la stessa presentatrice ha ammesso. “Io il vitalizio da 1.300 euro non lo prenderò. Non lo prenderò per due motivi che devono essere chiari: primo, per il decreto Monti, che è vero che tutti hanno detto che è un decreto legge e potrebbe non passare alle Camere, ma intanto c’è. Il secondo motivo è che il vitalizio si prende nel caso in cui si maturino più di 30 mesi di legislatura e non è il mio caso”. 

Per avere diritto a questo vitalizio, dai sessant’anni in poi, avrebbe dovuto finire la legislatura oppure versare i rimanenti contributi. E il totale ammonta a una somma di circa 60mila euro. Poi la precisazione: “Io non voglio nemmeno fare la paladina della giustizia, che non sono, ci sono delle spiegazioni logiche al perché non lo prenderò. Se domani io mi sveglio e decido di versare i miei contributi, lo faccio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regione Sicilia, Crocetta forma nuova giunta: Battiato in pole per i Beni culturali

prev
Articolo Successivo

Elezioni regionali in Lazio, il Pdl tira fuori il nome dell’outsider Simonetta Matone

next