Del premio Nobel per l’Economia 2012 ricorderemo quattro cose, tre piccole e una grande.

Le tre piccole sono:

1- La meravigliosa battuta del primo vincitore, Alvin Roth, 61 anni, docente alla Harvard University di Boston: “Adesso i miei studenti staranno più attenti a lezione”. Roth meriterebbe il Nobel per l’arte di non prendersi sul serio, che andrebbe urgentemente istituito.

2 – L’età del secondo vincitore, Lloyd Shapley, professore di Los Angeles: 89 anni. Lo premiano per preziosi contributi scientifici che ha offerto al mondo alcuni decenni fa. Ha fatto la cosa giusta quando era il tempo, il grosso dell’umanità lo viene a sapere adesso, ha avuto la fortuna di vivere abbastanza a lungo da godersi il riconoscimento, e possiamo festeggiarlo ringraziandolo di non averci angustiato con polemiche sulla rottamazione.

3- L’ammontare del premio equivale a pochi mesi di stipendio di un medio banchiere italiano.

Ed ecco quella grande.

Shapley e Roth non hanno collaborato, il più giovane ha preso spunto dagli studi del più anziano e li ha sviluppati. Hanno dedicato la loro intelligenza a studiare il funzionamento dei mercati, lavorando sulla cosiddetta “teoria dei giochi cooperativi” (soprattutto Shapley) e sulla cosiddetta “progettazione dei mercati“. Hanno prodotto complicatissimi algoritmi per il governo di particolari mercati, troppo complicati per spiegarli in breve (e, onestamente, anche per capirli a fondo).

Ma c’è una cosa semplice e grande che possiamo imparare da loro. Avendo dedicato gran parte del loro tempo non tanto a formulare astratte teorie ma a osservare e studiare il comportamento degli uomini e delle donne, hanno aggiunto il loro contributo a una faticosa conquista alla quale il pensiero umano si sta lentamente ma inesorabilmente avvicinando: il denaro non è la misura di tutto. Qui non parliamo di buoni e moralistici propositi, ma di scienza economica. Shapley e Roth ci insegnano che un mercato (che è interazione tra persone) non è per forza più efficiente se affidato al metro del denaro, e che ci sono strade diverse, e molto più furbe, per ottimizzare la vita economica di una comunità. Se, per esempio, l’accesso a una risorsa limitata come l’istruzione universitaria viene riservato a chi offre più denaro, non c’è più bisogno di dire che la cosa è ingiusta dopo che Shapley e Roth ci hanno insegnato che è stupida.

Da diversi anni il premio Nobel si indirizza verso economisti che hanno reso meno triste la “scienza triste”, e che guardano alla vita economica con un respiro umanistico. Solo nella nostra provincialissima italietta, politici di serie B ed economisti a gettone continuano a inneggiare alla dura realtà dell’homo oeconomicus e del mercato come giungla e ad ammorbare il prossimo con un pensiero rozzo. La cultura globale, per fortuna, va in tutt’altra direzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La legge di stabilità stabilizza solo le disuguaglianze

prev
Articolo Successivo

Manovra, si tolgono 240 milioni agli invalidi per darne 233 alle scuole private

next