Fumi di acciaieria, gas velenosi, fanghi tossici, scorie radioattive: a Portovesme, piccola Taranto del SulcisIglesiente, al polo industriale e al business dei rifiuti vengono sacrificati agricoltura, turismo e salute. Poco importa se a Carloforte, comune a 9 km di distanza sull’isola di San Pietro, nell’acqua piovana i valori di cadmio, piombo e alluminio sono fino a 60 volte oltre i limiti di legge. E se il 40 per cento dei bambini ha malattie alla tiroide. “Solo due settimane fa”, denuncia Salvatore Casanova del comitato Carlofortini Preoccupati, “a Portovesme è arrivata da uno scalo greco una nave carica di scorie radioattive, contaminate da Cesio 137”. La società ellenica che ha dato il via libera è stata sospesa dal trasporto, ma nel piccolo porto sardo i materiali di scarto destinati ad essere trasformati in materie prime secondarie continuano ad arrivare. Il tutto senza che ci sia un controllo pubblico, grazie a una Legge Regionale del 2001 con cui la Giunta Floris, accusano gli attivisti, permise di “trasformare la Sardegna nella discarica radioattiva d’Europa”.

Ma la bomba ecologica della provincia di Carbonia-Iglesias non si limita a questo. Oltre a rifiuti radioattivi e alle polveri, ci sono i fumi del polo industriale e della centrale Enel “Grazia Deledda”, una delle più inquinanti d’Europa, funzionante a carbone, olio combustibile e biomasse, le cui ceneri finiscono in una vicina miniera di carbone trasformata in discarica. E un gigantesco bacino di fanghi tossici, generati negli anni scorsi dalla lavorazione della bauxite: un sito a poche decine di metri dal mare, messo sotto sequestro nel 2009. Che, già sprofondato di 10 metri, rischia di contaminare irreparabilmente costa e falde acquifere.

Nel porto di Portovesme, da dove parte l’unico traghetto per l’isola di San Pietro, lo scarico di rifiuti, biomasse o carbone avviene proprio in fianco all’imbarco “senza nessun tipo di controllo”, spiega Casanova: “Potete quindi immaginare tutte le polveri che si sollevano durante le fasi di carico e scarico di questi materiali che noi residenti, e in questo periodo anche i turisti, siamo costretti a respirare”. Polveri che si uniscono alle sostanze nocive presenti in atmosfera provenienti dal polo industriale.

E i danni sulla salute delle popolazioni locali non mancano. “È stato fatto uno screening l’anno scorso a Carloforte, e il 40% dei bambini è affetto da malattie tiroidee”, sottolinea l’attivista: “Noi come comitato abbiamo fatto invece analizzare dell’acqua piovana e abbiamo trovato valori di cadmio, piombo e alluminio che vanno dai 20, 30 fino a 60 volte oltre i limiti di legge”.

Il protocollo di indagini diagnostiche a cui si riferisce Casanova risale al 2011, quando i dati, seppur parziali, hanno tracciato un quadro preoccupante della situazione: delle 62 persone controllate, tra alunni e personale scolastico, “a 25 sono state riscontrate alterazioni alla ghiandola tiroidea e consigliati ulteriori accertamenti: oltre il 40 per cento del campione”, rivela il comitato civico. Mentre nel resto della popolazione “su 95 persone, a 36 sono state riscontrate alterazioni e consigliati ulteriori accertamenti: il 38 per cento dei casi”.

Secondo Vincenzo Migaleddu dell’Isde Sardegna (Associazione dei Medici per l’Ambiente), i dati di questo screening sono “evidenti ed eclatanti” e, oltre a confermare la Sardegna come regione più contaminata d’Italia, dimostrano che “buona parte di queste patologie, soprattutto nei giovani, sono di origine ambientale”. “Il problema – spiega il medico a ilfattoquotidiano.it – è però che per confermare questa correlazione servirebbe uno studio specifico, come quello che è stato fatto a Taranto”. “Ma nessuno qui vuole una cosa del genere, tutti si guardano bene dal farla”, aggiunge.

Il Sulcis in questo momento è la regione più povera d’Italia, per cui il ricatto del lavoro è sempre presente”, conclude Migaleddu: “Anche se questo modello industriale fuori dal tempo andrebbe del tutto rivisto. Se non altro per il consumo di risorse e i costi sanitari che comporta”.

Un problema anche culturale, insomma, che come a Taranto motiva ulteriormente i comitati come il Carlofortini Preoccupati: “Chiediamo innanzi tutto una bonifica immediata, per cui servirebbero dai 30 ai 50 anni di lavoro, e di integrare la dismissione di queste industrie con lavori legati alla cantieristica o al turismo, che possano far decollare questo territorio dalle bellezze incredibili”. “Purtroppo – conclude Casanova – i nostri appelli rimangono inascoltati, perché la Provincia e la Regione sembrano incentivare queste fabbriche, e non vogliono saperne di dismissione, o di attuare effettive politiche di cambiamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La crisi non esiste, ho le prove…

next
Articolo Successivo

Sicilia, il piano energetico di Passera riapre la corsa al petrolio

next