Gli impianti dell’Ilva di Taranto non devono rimanere aperti “a qualsiasi costo”, senza cioè tener conto dei problemi legati alla salute, ma “ci deve essere l’impegno di tutti a non chiuderli perché Taranto si porta dietro una serie di filiere” fondamentali. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, intervistato a Uno Mattina. Secondo il ministro, “se si spegne uno di quei forni poi non lo si riaccende più e per quella città, per quella regione e per l’Italia, sarebbe un costo veramente eccessivo”. Per questo Passera propone un intervento in tempi rapidi. “I fondi per la bonifica e i tempi per raggiungere standard diversi “sono dati che tutti insieme portano a evitare la chiusura”. L’alternativa pane-veleno “è inaccettabile”.

Il ministro ha affrontato il tema delle bonifiche: “Quello che l’azienda stava facendo, e noi come pubblico abbiamo fatto con lo stanziamento di oltre 300 milioni per bonifiche e interventi, il buon senso di avere come riferimenti parametri non estremi – ha chiarito il ministro – dovrebbero permetterci di evitare la chiusura”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bomba Brindisi, l’avvocato: “Assicurazione non risarcisce ragazze ferite”

prev
Articolo Successivo

Falsi invalidi, smascherati in 3.400 da inizio anno. Il danno è di 60 milioni di euro

next