I fatti più importanti di ieri per capire la giornata di Borsa e l’andamento dello spread.

Moody’s – L’agenzia americana cambia l’outlook del fondo salva Stati Efsf da “stabile” a “negativo”. Questo significa che potrebbe poi essere declassato, con immediato aumento del costo di raccolta del capitale sul mercato. In pratica lo scudo di cui al momento disponiamo comincia a mostrare crepe.

Super Esm –  La notizia che calma i mercati però è l’apertura arrivata dalla Bce con l’austriaco Esward Nowotny che ipotizza di dare una licenza bancari al nascente Esm, il fondo Salva Stati che da settembre sostituirà l’Efsf. Con la licenza bancaria potrà chiedere prestiti alla Bce e poi usarli per sostenere il debito degli Stati in difficoltà. É un passo importante ma non basta, prima l’Esm deve costituirsi e poi, se c’è l’unanimità politica, i governi possono decidere di assegnargli la licenza.

Gran Bretagna – David Cameron, primo ministro inglese, si è detto molto deluso dai dati sul Pil del secondo trimestre. Il Paese resterà in recessione nel 2012, con un calo dello 0,8 per cento del Pil. La Gran Bretagna per ora è fuori dal caos sul debito pubblico, sui mercati, perché ha la sterlina. Ma la sua condizione resta pericolante.

Grecia – Il ritorno di un’ipotesi di default per la Grecia tra agosto e settembre viene alimentata giorno per giorno anche a fini speculativi. Nella giornata di ieri non ci sono state novità concrete, ma l’iportante istituto di ricerca tedesco Ifo ha pubblicato una ricerca secondo cui il crac di Atene costerebbe alla Germania fino a 89 miliardi di euro e, dopo la bancarotta, sarebbe più conveniente se la Grecia uscisse dall’euro.

Il Fatto Quotidiano, 26 Luglio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Euro: è il momento di prepararsi agli scenari peggiori

prev
Articolo Successivo

La dittatura di Draghi

next