Tempo di vacanze, tempo di partenze “intelligenti”… tutti il primo week end di agosto? Si prevedono code infinite, infinita noia e insofferenza per l’ambita meta estiva che non arriva più.

Non preoccupatevi: partite preparati e sarà tutto più leggero. Munitevi di una compilation di canzoni da cantare, anzi, da urlare. Pur essendo prevalentemente cantanti donne ad essere citate, l’esercizio non è solo per signore, vale anche il falsetto, ovvio. Anzi, più è esagerato, più ci piace. 

Si parte con Adele, “Don’t You remember“, così vi scende subito la lacrimuccia e vi rilassate.

Poi doppietta di Loredana Bertè: “E la luna bussò” e “Sei bellissima” (io di solito arrivo al ritornello e poi mi devo fermare perché mi commuovo troppo).

A questo punto siete scatenate, è il momento di salire di tonalità, è tempo di osare con Whitney HoustonThe greatest love of all“. Troppo? Va bene anche un classicone: “I will always love you”. Avete scaldato l’ugola, il ruggito, ce l’avete? Allora tocca a Gianna Nannini. Ma prima tirate giù il finestrino e cacciate fuori il gomito. Parte “Fotoromanza”, senza vergogna.

Siate all’apice della disinibizione, non vi ferma più nessuno: è tempo di “Maledetta primavera”. Di solito si balla ai matrimoni quando ormai l’open bar è terminato, ma in questo contesto ce la facciamo stare.

A questo punto però vi devo dividere: l’ultima parte vede da un lato la signorina single in partenza – che quest’estate faccio un casino – e dall’altra tutti quelli che, più generalmente proprio non ne possono più e devono scaricare il peso degli ultimi mesi.

Per le prime, potreste scegliere tra:

Alanis Morissette – Ironic, Sheryl Crow – If it makes you happy, Four Non Blondes – What’s Up, Carmen Consoli quasi tutto, e poi ovviamente Cindy Lauper – Girls just wanna have fun.

Per tutti gli altri, c’è l’imbarazzo della scelta…solo per citarne alcuni:

Oasis – Wonderwall, Nirvana – Smeel Like teen spirits, Blondie – Call me, Fun – We are young, Metallica – Nothing else matter….

Inizio a essere troppo impopolare, forse sono troppo revival, ma d’altra parte sono vicina all’essere una simpatica tardona, questo si era intuito. Unico inconveniente dell’operazione: può darsi che vi dimentichiate di avere passeggeri a bordo e che questi decidano di proseguire a piedi, ma sono certa che affronterete questa eventualità con coraggio. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flavia Gasperetti: blogger autentica premio Ischia di giornalismo

next
Articolo Successivo

Femminicidio, se l’uomo uccide è colpa della donna

next