Il segreto della lunga vita? Forse dipende dal periodo in cui veniamo al mondo. Le buone notizie però potrebbero riguardare i nati durante l’autunno. Per esempio chi festeggia il proprio compleanno tra settembre e novembre avrebbe infatti più possibilità di raggiungere i 100 anni rispetto ai nati durante gli altri mesi dell’anno. Il mese di nascita, infatti, influenzerebbe comportamento, genetica e risposta alle malattie, come rivela un nuovo studio pubblicato sul Journal of Ageing Research.

“Abbiamo raccolto dati riguardanti 1.500 centenari e ultracentenari statunitensi nati tra il 1880 e il 1895″, affermano Leonid Gavrilov e Natalia Gavrilova, ricercatori dell’University of Chicago a capo dello studio.  “La maggior parte di loro – continuano – era nata durante l’autunno, mentre molto pochi erano gli ultracentenari nati i Marzo, Maggio e Luglio. La spiegazione più popolare a questo fenomeno è che – spiegano – le infezioni stagionali creino dei danni a lungo termine per i più giovani, ma i nati in autunno vengono esposti presto e quindi si immunizzano prima”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le donne sono più intelligenti degli uomini secondo studio sul quoziente intellettivo

prev
Articolo Successivo

Allergie, dal Canada arriva il vino che possono bere tutti

next