Il segreto della lunga vita? Forse dipende dal periodo in cui veniamo al mondo. Le buone notizie però potrebbero riguardare i nati durante l’autunno. Per esempio chi festeggia il proprio compleanno tra settembre e novembre avrebbe infatti più possibilità di raggiungere i 100 anni rispetto ai nati durante gli altri mesi dell’anno. Il mese di nascita, infatti, influenzerebbe comportamento, genetica e risposta alle malattie, come rivela un nuovo studio pubblicato sul Journal of Ageing Research.

“Abbiamo raccolto dati riguardanti 1.500 centenari e ultracentenari statunitensi nati tra il 1880 e il 1895″, affermano Leonid Gavrilov e Natalia Gavrilova, ricercatori dell’University of Chicago a capo dello studio.  “La maggior parte di loro – continuano – era nata durante l’autunno, mentre molto pochi erano gli ultracentenari nati i Marzo, Maggio e Luglio. La spiegazione più popolare a questo fenomeno è che – spiegano – le infezioni stagionali creino dei danni a lungo termine per i più giovani, ma i nati in autunno vengono esposti presto e quindi si immunizzano prima”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le donne sono più intelligenti degli uomini secondo studio sul quoziente intellettivo

next
Articolo Successivo

Allergie, dal Canada arriva il vino che possono bere tutti

next