Antitrust contro il viagraCi mancava anche l’Antistrust ed il Viagra. L’Italia sta diventando il laboratorio mondiale di inibizione all’accesso per i cittadini del belpaese  per siti ritenuti non conformi alle  norme più disparate. In omaggio a questa prassi, il garante per la concorrenza ed il mercato ovvero l’Agcom (e non un Giudice della Repubblica, come si è sempre pensato peraltro) ha ritenuto, attraverso il nucleo speciale tutela dei mercati della Guardia di Finanza, di  ordinare il 20 giugno 2012 a tutti i provider italiani di accesso di inibire l’accesso al sito italiano che vende  viagra e cialis.

Il provvedimento firmato dal presidente dell’Antitrust Pitruzzella è stato controfirmato dal segretario generale Chieppa.

In particolare l’Antitrust ha ordinato che:

I provider dovranno quindi far visualizzare al consumatore italiano un’immagine che è possibile visionare qui al posto dei siti sequestrati

Al di là delle facili ironie si deve constatare che nel Belpaese è vietato anche per le farmacie tradizionali vendere farmaci on line (anche se la stessa farmacia è del tutto autorizzata), senza che ciò abbia una plausibile spiegazione che non sia la difesa di un privilegio bicentenario.

Più che disporre inibizioni a destra e manca, ottenendo cosi il risultato di colpire il consumatore con “colpi bassi” (in tutti i sensi peraltro), sarebbe forse utile rivedere la normativa italiana sulla vendita di farmaci on line garantendo la possibilità alle farmacie (o parafarmacie) autorizzate di poter vendere i prodotti in tutta sicurezza anche on line, aprendo cosi anche alla vendita a prezzi contenuti dei farmaci equivalenti.

Nel frattempo ci troviamo di fronte (in buona fede forse)  all’ennesima richiesta di erigere una “muraglia” virtuale ai danni dei cittadini italiani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A proposito di un’intervista

prev
Articolo Successivo

Nomine Rai: la Lega vota scheda bianca lasciando un posto al Pdl in cda

next