Per la prima volta una delegazione di giornalisti, guidati dal presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Roberto Natale, visita il centro di identificazione ed espulsione di contrada Milo a Trapani. Una struttura che, come tutti gli altri Cie d’Italia, era inaccessibile durante il precedente governo per volere dell’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni. Nel centro di Trapani sono rinchiusi 76 migranti, molti ‘passati’ per le carceri del Nord Italia per condanne di spaccio e reato di clandestinità. “Scontiamo una doppia pena senza aver fatto nulla”, denuncia Mohammed, dal 1979 in Italia, 22 anni di contributi versati e una figlia nata a Napoli, ma arrestato dopo aver perso il lavoro. Decine i casi di autolesionismo e tentato suicidio. Nelle ultime settimane sono evasi in 118, lanciandosi dai muri di recinzione. Mentre i migranti che sono rimasti denunciano violenze da parte della polizia, mostrandone i segni sul corpo, e le enormi difficoltà a parlare con gli avvocati di Salvo Catalano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maledetto CLericalismo, presidio anti Papa a Milano

prev
Articolo Successivo

Dopo il processo Mubarak, l’Egitto torna in piazza

next