Laura Pausini ha deciso di devolvere l’incasso personale delle tre date del suo Inedito World Tour, in programma il  4 – 5 e 6 giugno prossimi all’Arena di Verona, alle popolazioni colpite dal terremoto della sua amata Emilia Romagna.

La Pausini, particolarmente colpita dagli eventi che hanno segnato la sua terra, non appena scattata l’emergenza ha voluto devolvere privatamente una prima forma di sostegno concreto, ma tornando in scena in Italia per le tappe estive all’Arena di Verona, ha voluto confermare il suo impegno di cantante mantenendo l’appuntamento per le migliaia di fan accorsi da tutta Italia e, nel contempo, rinnovare la raccolta fondi donando per intero il proprio compenso per le tre date all’Arena.

“In rispetto delle persone che da molti mesi aspettano queste serate, in particolare quella del 4 giugno  e che arrivano anche da paesi lontani, abbiamo deciso di dare voce alla musica: staremo insieme, canteremo e dedicheremo i nostri concerti alla mia amata Emilia Romagna. Ci sono molti modi per aiutare donando, pubblicamente o privatamente, io ho deciso di farlo in entrambi i modi, perché mi sento molto vicina alle persone della mia regione. Non è importante come lo si fa, è importante farlo, anche con piccolissimi gesti, ora e poi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto in Emilia, raccolta firme per una moratoria sui permessi di soggiorno

prev
Articolo Successivo

Maserati, Ferrari e Lamborghini: con il terremoto trema l’industria dell’auto

next