Tre centesimi a lattina. E’ allo studio l’ipotesi di ‘”un limitato prelievo di scopo di tre centesimi sulle bottigliette da 33 cl che porterebbe 250 milioni di euro l’anno”. E’ il ministro della Salute, Renato Balduzzi, ospite di Radio Anch’io su Radio1, ad annunciare l’ipotesi a proposito della cosiddetta tassa sul cibo spazzatura, sottolineando che si sta valutando di intervenire solo su “bevande zuccherate e gassate” e non sui cibi, come avvenuto in altri paesi. Le risorse, ha spiegato, sarebbero “finalizzate a iniziative di rafforzamento di campagne di prevenzione e di promozione di corretti stili di vita e ad alcuni interventi mirati in campo sanitario”.

Un prelievo di tre centesimi, ha aggiunto il ministro, “non crea problemi né ai consumatori né ai produttori” e manda “un segnale all’opinione pubblica di attenzione per un problema sottovalutato dalle famiglie, visto che metà dei nostri ragazzi consuma troppe bevande gassate e zuccherate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo spread si impenna a quota 400 punti. L’euro ai minimi da gennaio

next
Articolo Successivo

Il ministro delle Finanze tedesco: “L’euro può fare a meno della Grecia”

next