Russulella, Romina Cecconi e Roberta Ferranti. Queste le pioniere del mondo trans che il festival Divergenti celebra, tra le altre, a Bologna nella tre giorni (dal 4 al 6 maggio) della sua quinta edizione, sotto il segno e la laicissima protezione di Marcella Di Folco.

“Vogliamo scardinare gli stereotipi negativi politici e sociali ma anche quelli del mainstream cinematografico sui transessuali”, spiega la direttrice Porpora Marcasciano. E su questa falsariga scorre il programma di visioni (una ventina) e di incontri per raccontare come anche il cinema si stia accorgendo di un immaginario possibile e commerciabile, partendo dalla storia del movimento trans: “sono personagg”e” e icone autocostruite oggi diventate protagoniste di documentari o di fiction che presentiamo con orgoglio al pubblico”.

Ai nastri di partenza (venerdì 3 maggio, ore 20, cinema Lumiere) Le Coccinelle, sceneggiata transessuale di Emanuela Pirella. Documentario del 2011 su quattro signore napoletane: Gennaro, Tonino, Genny e Giacinto. Non si travestono da drag queen, né aspirano ad essere femme fatale, semmai cantano e recitano le loro sceneggiate dal vivo, raccontando la prostituzione, l’ipocrisia dei clienti, l’amicizia con le donne dei quartieri, la gioia di vivere del popolo napoletano. A Bologna saranno presenti la regista e Le Coccinelle, protagoniste del film, esibitesi ieri sera in un’anteprima del festival al Teatrino degli Illusi di Bologna.

Sempre tra i vicoli napoletani si svolge il documentario Russulella (domenica 6 maggio, ore 18, sala Cervi). La regia è di Margherita Pescetti e il ritratto è quello di uno degli ultimi femminielli del capoluogo partenopeo, basato sul suo ricordo di un passato glorioso fatto di feste e spettacoli ora ridotto tra le quattro mura di un angusto monolocale. Sul filo del ricordo e della memoria, lo spassosissimo Il “Fico” del regime di Giovanni Minerba e Ottavio Mai. Lavoro di recupero di materiali d’archivio, datato 1991, su Gioacchino Stajano Starace, nipote del gerarca fascista Achille Starace, celebre gay della Dolce Vita romana anni cinquanta/sessanta. E’ lui, prima di diventare Maria Gioacchina, ad ispirare Fellini per il film scandalo del 1960, proprio con il bagno nella fontana di Trevi prima dell’Anitona Ekberg.

Impossibile poi non rimanere divertiti e attratti da un prodotto cult delle nuove cinematografie asiatiche. Madame X, di Lucky Kuswandi (2011), è un film indonesiano con protagonista la prima supereroina dragqueen della storia del cinema. Dopo l’ostentato machismo di Superman e Batman arriva Madame X ha ristabilire l’ordine e rimediare dai torti e dai oltraggi subiti della comunità lgbt. Una parodia a confine volontario con il trash per provare a ridere perfino sugli stereotipi cinematografici hollywoodiani.

Un programma ricco, insomma, nonostante le scarsissime risorse raccolte per l’edizione 2012: “Abbiamo avuto difficoltà più grosse degli altri anni”, spiega la direttrice artistica Luki Massa, “il festival è stato in forse fino a gennaio, poi grazie al fondamentale sostegno delle associazioni del mondo lgbt e non solo siamo rinate anche quest’anno”.

Divergenti non è soltanto un festival cinematografico, ma è anche la possibile e continua affermazione dell’ottenimento di alcuni diritti fondamentali della persona, ottenuti proprio grazie al Mit, l’associazione più antica del movimento transessuale che ha sede a Bologna fin dal 1979 e che è stata tra le principali promotrici di quel sommovimento politico che ha portato nel 1982 alla legge 164 che permise di cambiare sesso: “Nel 2011 il Comune di Bologna ci ha supportato con 2 mila euro, ma oggi non ci dà nemmeno più quelli. La Provincia di Bologna ci ha sempre fornito un patrocinio non oneroso, la Regione Emilia Romagna offre una cifra sotto i 10 mila euro. Insomma, i conti sono presto fatti: il nostro budget è di 12-13 mila euro, ma per quello che forniamo alla città a livello nazionale, è davvero poco”.

Contando che anche il cinema Lumiere recupera il costo dell’affitto della sala prendendosi una percentuale sugli ingressi (l’anno scorso in tre giorni circa 800 spettatori, n.d.r.) a parità di crescita del pubblico non corrisponde parità d’interesse delle istituzioni: “Ci siamo poste la domanda se continuare a proseguire Divergenti a Bologna, oppure no. Intanto stiamo guardando con favore a Napoli dove il Mit sta portando una grossa parte dei suoi servizi aiutati dal Comune, poi dovremmo ripetere il festival la prossima estate all’isola Tiberina di Roma e a Torre del Lago. Insomma le richieste per traslocare ci sono. Valuteremo nel corso dell’anno. Sarebbe un peccato andarcene da Bologna dove il Mit è nato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Regione si accorge che i rimborsi per la benzina erano alti: “Saranno dimezzati”

next
Articolo Successivo

Bologna, le vedove degli imprenditori suicidi: “Sistema rovina famiglie” (video)

next