Il 4 aprile, Mario Frasacco, imprenditore romano, si è tolto la vita. L’azienda attraversava delle difficoltà e avrebbe dovuto mettere in cassa integrazione, dopo 20 anni, alcuni operai. Lo stesso giorno il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro urlava alla Camera: “Il premier Monti dice bugie sulla crisi ha i suicidi sulla coscienza”. Da quel giorno Giorgia, la figlia di Mario, porta avanti una battaglia insieme all’associazione ‘Imprese che resistono’. “La crisi esplosa nel 2008 ci sta distruggendo e distrugge il tessuto produttivo di questo paese, le piccole e medie imprese – racconta Giorgia ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – sono lasciate sole, non hanno più credito, la pressione fiscale le stritola. Ecco perché – continua – a giugno tremila imprenditori consegneranno le loro tessere elettorali al presidente Napolitano” (montaggio e riprese Paolo Dimalio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli stipendi italiani tra i più bassi d’Europa. L’Ocse: “Molte tasse sui salari”

next
Articolo Successivo

Lavoro: all’esame 1048 emendamenti Esodati: il governo convoca i sindacati

next