La Itc srl, storica fabbrica di Bologna che produceva la prima linea per la griffe di moda Gianfranco Ferrè, ora appartenente al gruppo di Dubai Paris Group, “ha comunicato oggi alle organizzazioni sindacali e alle Rsu, l’intenzione di interrompere l’attività di Modelleria, Cad e Sartoria a Bologna nella sostanza chiudendo la manifattura del grande marchio italiano presente in città”.

A dare l’allarme è una nota congiunta firmata da Femca-Cisl, Filctem Cgil, Uilta-Uil e Rsu. “Ciò – scrivono i sindacati – in violazione degli impegni presi nel piano industriale biennale di rilancio dell’attività, con l’acquisizione dell’8 Marzo 2011″. I lavoratori hanno dichiarato una prima azione di sciopero con presidio domani dalle 11 alle 13 di fronte allo stabilimento di via Stendhal 33.

Nel marzo dello scorso anno la stessa azienda aveva annunciato la cassa integrazione per quasi la metà dei dipendenti attraverso una mail.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, 700 in piazza contro le tasse sulle borse di studio. E il Parlamento fa dietrofront

next
Articolo Successivo

Bologna, a lezione di esorcismo. Non solo preti, ma anche medici e avvocati

next