Non sono d’accordo: non penso sia stato giusto sospendere tutti i campionati per la morte in campo di un giocatore, tragica, ma naturale; non penso sia stata la risposta giusta a quanto avvenuto, né il modo giusto di mostrare rispetto e condividere il dolore. E io non sono d’accordo, nonostante il conformismo omologato di tutti gli apprezzamenti pubblici e mediatici per la decisione della Federazione, suggeriti i primi dalla facile demagogia del consenso funereo e dettata la seconda dal timore delle critiche che un atteggiamento diverso avrebbe comportato.

Intendiamoci e non giochiamo su facili equivoci: il decesso improvviso di un giovane di 25 anni è una tragedia umana; e lo sarebbe parimenti stata se fosse avvenuto su un banco d’Università o a un tavolo di lavoro o durante una gita con gli amici o al tavolino di un bar; ed è una tragedia che colpisce di più perché avviene sotto gli occhi delle telecamere –a proposito di ipocrisia, vogliamo parlare delle immagini di Morosini che s’accascia in campo riproposte all’infinito e ‘moviolizzate’ sugli schermi televisivi?-.

Ma è una morte accidentale, come ne sono sempre avvenute e, purtroppo, sempre avverranno, anche se gli esami medici saranno sempre più accurati; anche se la prevenzione in campo sarà migliorata; anche se l’arrivo dei soccorsi sarà più tempestivo. E’ una tragedia umana, non una tragedia da attribuire al ‘sistema’: non è la morte di un agente, o di un tifoso, vittima di scontri tra opposte fazioni prima, durante o dopo un match; non è la morte di un giocatore vittima di un’aggressione in campo (o fuori dal campo)… Il ‘sistema’ ha tante enormi responsabilità, ma non Morosini, come non Curi molti anni or sono e i tanti purtroppo venuti dopo di lui, in Italia e ovunque: e chi dice ‘mai più’ nega la friabilità della vita.

Giusto, giustissimo, sospendere il match in corso. Ma bloccare tutte le attività, senza che questo abbia alcun rilievo preventivo rispetto a ulteriori incidenti analoghi, non mi pare giusto: mi pare, piuttosto, un lavarsi la coscienza dall’accusa, forse emotiva e infondata, e magari pure dal dubbio di non avere fatto abbastanza per impedire la tragedia. Se muore d’infarto – non un incidente sul lavoro, un infarto – un impiegato alla scrivania in ufficio –e succede-, se muore un operaio al tornio in fabbrica –e succede-, se muore un giornalista al computer –e succede-, nessuno si aspetta che tutte le attività del loro settore si fermino.

Una volta si diceva che ‘the show must go on’; oggi, sembra blasfemo dirlo. Io sarò blasfemo, ma lo penso e lo dico: non conoscevo Morosini, anzi –pur essendo tifoso e appassionato di calcio- non avevo alcuna conoscenza del suo percorso sportivo e personale, ma credo che scendere in campo con impegno e con lealtà, dopo avere osservato un minuto di silenzio e portando il lutto al braccio, sarebbe stata da parte del ‘sistema’ risposta migliore di una domenica di stadi vuoti e di dolore ufficiale.  Se Morosini era atleta corretto e onesto, come non dubito che fosse, una partita venduta in meno sarebbe stata, da parte di tutti i suoi colleghi, risposta mille volte più adeguata di cento partite non giocate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morosini, Taccola, Renato Curi. Perché?

next
Articolo Successivo

Inchiesta Maugeri, le pressioni su Formigoni “Dì al capo che facciamo saltare la legge 31”

next