Via Gallarate, periferia nord-ovest di Milano. Quattro distributori di benzina in cento metri: auto in coda a destra e a sinistra, a tutte le ore del giorno. E’ il Paradiso degli automobilisti. C’è chi esce di casa un’ora prima del dovuto e attraversa in auto tutta la città per riempire il serbatoio. E chi viene a Milano dai comuni limitrofi non per recarsi in ufficio ma per fare il pieno. Tutta colpa di un distributore no logo. Appena insediato ha abbassato i prezzi rispetto ai concorrenti presenti e ha rubato clienti a tutti. E in pochi mesi ha costretto i titolari delle altre pompe ad adeguarsi
di Francesco Gilioli e Giorgio Ragnoli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benzina alle stelle: Fiamme gialle indagano su “eventuali manovre speculative”

next
Articolo Successivo

Barletta, morta una donna e due ricoverate dopo esami clinici

next