La cooperante italiana Rossella Urru

Dopo l’uccisione di Franco Lamolinara, l’ingegnere di 47 anni rapito il 12 maggio in Nigeria insieme al collega britannico Cristopher Mc Manus e morto durante un blitz per liberarli, restano altri tre italiani ancora nelle mani dei gruppi armati in diverse parti dell’Africa.

L’ultima italiana sequestrata in ordine di tempo è Rossella Urru. La giovane cooperante del Cisp (Comitato Italiano Sviluppo dei Popoli) ha 29 anni ed è originaria della provincia di Oristano. Studiosa del mondo arabo, è stata sequestrata tra il 22 e il 23 ottobre nel campo Rabboni del Fronte Polisario in Algeria insieme a due cooperanti spagnoli. Sabato erano circolate indiscrezioni su una sua liberazione, poi smentite.

Prima di lei, nel sud dell’Algeria era stata rapita Maria Sandra Mariani. La 53enne di Firenze è stata sequestrata il 2 febbraio scorso, mentre si trovava in viaggio turistico nel Sahara algerino. “Sono nelle mani di al Qaeda”, ha detto in un messaggio diffuso dalla tv Al-Arabiya. Un altro italiano di cui si sono perse le tracce è Bruno Pellizzari, rapito dai pirati somali il 10 ottobre 2010 con la compagna sudafricana Deborah Calitz. Lo skipper italiano, sequestrato mentre lavorava su uno yatch a largo della costa della Tanzania, viveva da anni in Sudafrica.

A ricordare gli altri ostaggi italiani ancora nelle mani dei rapitori all’estero è intervenuto l’eurodeputato David Sassoli che ha annunciato: “La prossima settimana a Strasburgo chiederemo tramite il Parlamento alle istituzioni europee di mobilitarsi, di non spegnere i riflettori e di attivarsi per la protezione degli italiani e di tutti i cittadini europei sequestrati in tante regioni del mondo” perché “è necessario compiere ogni sforzo per riportare quelle persone alle loro famiglie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Cina limita la detenzione senza informazioni ai familiari. Dubbi delle ong

next
Articolo Successivo

Cerimonia di addio del presidente tedesco Wulff, tra contestazioni e tante assenze

next