Dal senatore Carlo Giovanardi, riceviamo e pubblichiamo:

“Leggo sul Fatto Quotidiano dell’Emilia Romagna che la coordinatrice provinciale e deputato Bertolini punta il dito punta il dito contro la corrente che fa riferimento all’ex sottosegretario alla presidenza del consiglio: “Le tessere nel Modenese sono passate da poche centinaia a 5600. E sono tutti iscritti originari di Casal di Principe e dintorni. Ho già fatto denuncia ad Alfano”. Sono affermazioni totalmente false e calunniose.

5600 sono infatti il totale degli iscritti al Pdl di Modena (dove il partito ha preso alle elezioni politiche 115 mila voti) la somma di quelli provenienti dall’Udc e dalle varie componenti interne di Fi e An.

Su 5600 iscritti quelli provenienti dalla provincia di Caserta sono 240 e non mi risulta siano di provenienza Udc.

Trovo comunque indegno e vergognoso criminalizzare tutti coloro che sono nati in alcune zone del Meridione.

senatore Carlo Giovanardi, Roma

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafie in pentola a teatro. L’autrice: “Anche la cultura alimentare aiuta la legalità”

next
Articolo Successivo

Cyberbullismo, in aumento gli atti di prepotenza ed arroganza su cellulari e web

next