A pochi giorni dalla chiusura della Campagna nazionale “L’Italia sono anch’io”, per la presentazione di due leggi di iniziativa popolare sul tema della cittadinanza e del voto amministrativo agli Immigrati, in un incontro alla libreria Feltrinelli di Milano, Lerner ha attaccato il comico genovese che recentemente aveva derubricato il tema a semplice “diversivo da problemi ben più importanti”. Polemiche a parte, l’occasione ha permesso di sciogliere dubbi ed equivoci generatisi intorno alla proposta. “La legge indica chiaramente quale requisito per l’accesso al riconoscimento della cittadinanza dei bambini nati sul territorio – risponde Livio Neri, avvocato dell’Asgi (Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione) – la residenza in Italia di almeno uno dei genitori da almeno 1 anno”, requisito sufficiente a scongiurare l’incubo del Ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri sul pericolo di un “turismo nel nostro Paese di madri in gravidanza in cerca di cittadinanza per i propri figli”  di Giovannij Lucci

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I furbetti del vitalizio

prev
Articolo Successivo

Dallo scandalo Lusi agli esordi ‘radicali’, le gesta memorabili di Francesco Rutelli

next