Tahrir non si svuota, dopo la grande manifestazione del 25 gennaio, anniversario della rivoluzione, decine di migliaia di persone presidiano la piazza. Si è però arrivati a un punto di rottura tra i Fratelli Musulmani e gli altri manifestanti. Gli islamici, con il partito Giustizia e Libertà, hanno ottenuto la maggioranza dei seggi alla camera bassa e si apprestano a fare un altro pieno di voti alle elezioni della Shura. Per molti cittadini, il movimento è diventato il braccio dello Scaf, la giunta militare che guida il Paese dalla caduta di Mubarak. Nonostante le divisione interna la lotta non si ferma: un nuovo movimento, Occupy Maspero, chiede il cambio dei vertici della tv pubblica. Decine di cortei hanno sfilato per la città, durante tutta la giornata di venerdì, per arrivare sotto la sede centrale delle televisione nazionale. Nonostante la rivoluzione l’Egitto ha subito una notevole riduzione della libertà di espressione nell’ultimo anno perdendo 39 posti nell’indice redatto da Reporter senza Frontiere, mentre la Tunisia del dopo Ben Alì è salita di 30  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cronisti: “Rischiamo la pelle, da precari”

prev
Articolo Successivo

Sindacati di base: “Monti dimettiti”

next