Dopo anni in cui si affermava che “a Milano la criminalità organizzata non esiste”, la giunta arancione ha finalmente inaugurato la commissione antimafia. Anzi due. Il primo è un comitato di saggi nominato dal sindaco Giuliano Pisapia e guidato da Nando Dalla Chiesa, la seconda è una commissione comunale vera e propria il cui ruolo “sarà di raccordo ed intervento diretto tra cittadinanza, rete delle associazioni e forze dell’ordine” – ci dice il consigliere David Gentili, presidente incaricato in pectore. “Sono due ambiti di intervento diversi, non doppioni – sottolineano entrambi i presidenti – pertanto assolutamente complementari”, per potenziare la capacità di monitoraggio ed intervento sulla vita della pubblica amministrazione, perché “la ‘ndrangheta preferisce i comuni al Parlamento – sostiene Dalla Chiesa – perché è negli uffici delle amministrazioni locali che si decidono Piani Regolatori, appalti e distribuzione del denaro pubblico”. Di Giovannij Lucci

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Feci, preghiere e Forza Nuova. In scena la pièce di Castellucci

next
Articolo Successivo

Studenti contro Profumo: “Più istruzione, meno armamenti”

next