Dopo anni in cui si affermava che “a Milano la criminalità organizzata non esiste”, la giunta arancione ha finalmente inaugurato la commissione antimafia. Anzi due. Il primo è un comitato di saggi nominato dal sindaco Giuliano Pisapia e guidato da Nando Dalla Chiesa, la seconda è una commissione comunale vera e propria il cui ruolo “sarà di raccordo ed intervento diretto tra cittadinanza, rete delle associazioni e forze dell’ordine” – ci dice il consigliere David Gentili, presidente incaricato in pectore. “Sono due ambiti di intervento diversi, non doppioni – sottolineano entrambi i presidenti – pertanto assolutamente complementari”, per potenziare la capacità di monitoraggio ed intervento sulla vita della pubblica amministrazione, perché “la ‘ndrangheta preferisce i comuni al Parlamento – sostiene Dalla Chiesa – perché è negli uffici delle amministrazioni locali che si decidono Piani Regolatori, appalti e distribuzione del denaro pubblico”. Di Giovannij Lucci

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Feci, preghiere e Forza Nuova. In scena la pièce di Castellucci

next
Articolo Successivo

Studenti contro Profumo: “Più istruzione, meno armamenti”

next