“Solo dalla Lombardia le richieste di incontri pubblici sono ormai arrivate a 320”. Si dice addirittura preoccupato, l’ex ministro Roberto Maroni, mentre traduce in cifre il sostegno incassato dalla base leghista nei giorni in cui il diktat di Umberto Bossi avrebbe dovuto metterlo a tacere. “Facendo incontri solo nei weekend potrebbero volerci dieci anni”, scherza Maroni, che però assicura: “Intendo dare soddisfazione a tutti, per ricambiare un affetto che non mi aspettavo così forte e che mi ha fatto bene in un momento delicato”. Nessun commento invece sull’incontro a due che ‘il cofondatore’ ha avuto nel pomeriggio col Senatùr nella sede milanese di via Bellerio. Ai piedi di Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, qualche parola la trova invece il leghista Matteo Salvini. “La base vuole i congressi? Il popolo leghista è sovrano”, spiega, “se vuole i congressi si faranno i congressi”. di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beha: “Cos’è rimasto della Fiorentina?”

prev
Articolo Successivo

“Giù le mani dalla città”, Milano contro le mafie e il racket

next