Al binario 24 della stazione Centrale di Milano la protesta continua. Dopo 32 giorni passati su una torre vedetta, i tre operai licenziati dalla Servirail (ex Wagon Lits) chiedono l’intervento del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. “Vogliamo sapere cosa pensa di un licenziamento che nega il diritto alla mobilità dei cittadini dividendo in due il Paese”, ha detto Carmine Rotatore dalla torre, riferendosi alla dismissione del servizio dei treni notte da parte di Ferrovie della Stato. Ad ascoltare le sue parole alcune centinaia di persone, riunite all’interno della stazione milanese per manifestare solidarietà ai lavoratori licenziati. “Vogliamo che la vertenza torni ad essere discussa a livello nazionale”, spiega Roberto Dell’Osso, altro licenziato Servirail. “Ci stanno proponendo accordi regionali legati ad appalti a termine, senza garanzie per il futuro”, racconta Dell’Osso, “un tentativo di dividerci che respingiamo al mittente”  di Franz Baraggino

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cosentino, Cicchitto avvisa Monti e la Lega si spacca

next
Articolo Successivo

Raphael Rossi, al via il processo Amiat

next