I residui dell’ideologizzazione del ’68 hanno condizionato il Natale 2011 nelle scuole di Bologna. Questa la posizione del deputato Pdl Fabio Garagnani di fronte al proliferare di una “persistente ideologizzazione” dell’insegnamento scolastico bolognese. E cosa ancora più rimarchevole tutto è avvenuto nell’approssimarsi delle feste natalizie: “la festa religiosa è stata ricordata a fatica ed è prevalsa una mentalità laicista in cui si muovono residui del ’68 condizionati da una visione ideologica della società”.

L’idea del deputato di comprovata fede berlusconiana è stata quella di fare un consuntivo di fine anno su ciò che non funziona negli istituti scolastici del capoluogo bolognese, uno dei suoi cavalli di battaglia: le occupazioni illegali dell’autunno appena passato, l’insegnante di religione sospesa dopo una lezione giudicata troppo forte sull’Apocalisse alle elementari Bombicci (oggetto di una interpellanza al governo dello stesso Garagnani), il problema dell’insegnamento della storia contemporanea (a cui è seguita un’altra interpellanza parlamentare) nei principali licei della città.

Per quest’ultimo aspetto, l’onorevole pidiellino membro della commissione cultura di Montecitorio ha rincarato la dose: “sono parziali, non obiettivi e spesso vengono taciuti fatti spiacevoli per l’ideologia di sinistra. Ci sono casi storici stravolti come la vittoria della Dc nel ’48 o la caduta del Muro di Berlino”.

“Non si chiede che la scuola diventi confessionale o di Stato – spiega Garagnani – ma che sia radicata alla sua storia identitaria, alla storia d’Italia e alla sua cultura tradizionale che è quella cristiana. Questo però non ha niente a che fare con l’integralismo ma con l’identità”.

Secondo il deputato pidiellino alle scuole elementari Tambroni, Longhena, Federzoni, Acri e Manzolini, infine, non si è celebrato abbastanza il Natale: “Si va dall’indifferenza totale ad una certa ostilità. A Bologna  prevale una falsa concezione laica che tende a uniformare tutte le religioni penalizzando, nei fatti, quella cristiana”.

d.t.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi al rogo, la Procura apre un fascicolo. Il Pdl: “E’ istigazione alla violenza”

next
Articolo Successivo

Movimento 5 Stelle, strappo ricucito. Defranceschi: “Mai pensato di dimettermi” (video)

next