L'Italia Nova, atto IV: "Il discorso di Monti"Dopo l’intermezzo detto del “Pianto della Fornero”, s’aprì il sipario e cominciò il quarto atto. Dai quadri di Pennello da Quaracchi che ce lo raccontano, la scena era tenebrosa e splendida, selvaggia e costellata di rovine: appunto, l’Italia Nova. Un tabernacolo custodiva il simbolo del Dio, e Vincenzo Monti ostendeva una moneta, che brillava in modo straordinario (un trucco scenico, si immagina). Riportiamo il testo dell’orazione di Monti, ricordando che Riondino scripsit, Spadoni pinxit.

Tavola di Francesco Spadoni. Per ingrandire clicca qui

Guarda le altre puntate dell’opera L’Italia Nova:
Prima
Seconda
Terza
Intermezzo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Se (anche) Clooney scarica Obama

prev
Articolo Successivo

American Horror Story, creatività in vendita

next