“Monti è anche una brava persona” – dice serenamente Beppe Grillo – “ma è pur sempre un rappresentante di quel mondo della Economia e della Finanza che fino a poco tempo fa minimizzava la portata di questa crisi”. E’ un Grillo agguerrito quello che ieri sera alla libreria Feltrinellli di Milano ha presentato il suo ultimo libro “Siamo in guerra”, scritto con Gianroberto Casaleggio. “Ora devono solo metterci una pezza, fare la legge sul conflitto di interessi, la riforma elettorale e traghettarci fino al 2013, perché non sono poi così diversi dai loro predecessori” – prosegue l’autore – “basta guardare la manovra per lo Sviluppo impostata sul proseguimento delle grandi opere”. “Si respira comunque un’aria più leggera rispetto qualche settimana fa” – commenta sorridendo – “sembra un Alzahimer al contrario: dopo soli 3 giorni che non se ne parla, sembra che Berlusconi non ci sia nemmeno mai stato”. La soluzione e lo strumento di questa guerra? “Il Movimento e la Rete” – risponde sicuro – “è questa la formula per tentare una strada nuova, alternativa a questa politica”. E i Partiti? “Che siano di governo o di opposizione, sono tutti uguali. Non hanno motivo di esistere, e ora non hanno più scampo” di Giovannij Lucci

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formigoni: “La Lombardia non è un sultanato, e io non sono il sultano”

prev
Articolo Successivo

Fiorello: “Preservativo? Salva la vita e in Rai si può dire”

next