Un migliaio di manifestanti si sono dati appuntamento questo pomeriggio a Novara per ribadire il loro “no” al programma militare F-35: “Una costosissima e inutile macchina di morte”. Armati di ironia e determinazione hanno preso di mira il nuovo supercacciabombardiere a decollo verticale con slogan e cartelli informativi. Il nuovo aereo militare, che ha già mostrato tutti i propri limiti sia in termini tecnici che di costi, dovrebbe essere assemblato in uno stabilimento in corso di realizzazione nell’aeroporto militare di Cameri, in provincia di Novara.

“L’acquisto e l’assemblaggio di cacciabombardieri F-35 nello stabilimento che Lockheed Martin ed Alenia stanno facendo costruire all’interno dell’aeroporto militare di Cameri, a pochi chilometri da Novara, costituiscono l’ennesimo spreco di soldi pubblici – hanno detto gli organizzatori della manifestazione -. La ditta vicentina Maltauro, che ha vinto l’appalto per la costruzione  dei capannoni dall’inizio del 2011, ha cominciato i lavori. Mentre si tagliano spese sociali, sanità, pensioni e scuola, si spendono venti miliardi di euro per produrre strumenti di morte e distruzione”.

Sono 131 i cacciabombardieri che l’Italia acquisterà per rinnovare la propria dotazione aeronautica investendo una cifra esorbitante, che supererà i 16 miliardi di euro, il tutto, come lamentano i manifestanti, senza apprezzabili ricadute occupazionali: “Al contrario, queste risorse saranno sottratte ad altre attività socialmente utili che creerebbero posti di lavoro e benefici sociali, pensiamo alle energie pulite e rinnovabili, ai servizi sociali, all’istruzione, alla ricerca, alla cultura e alla difesa del territorio”.

A darsi appuntamento a Novara sono state associazioni diverse e provenienti da tutto il nord Italia, accomunate dallo spirito pacifista e antisistema. C’erano ad esempio bandiere No-Tav, rappresentanti No Dal Molin in arrivo da Vicenza, tavoli della pace del territorio novarese e delle province vicine, Rete per il disarmo, Donne per la pace e Peacelink. Accanto a loro, tante associazioni del mondo cattolico, le bandiere di Legambiente, quelle dei sindacati di base e, tra i partiti e movimenti politici, quella dei grillini oltre a Sel e Federazione della sinistra. Tante ovviamente anche le adesioni personali di semplici cittadini che hanno voluto testimoniare il proprio sostegno alla causa del movimento “No F35”. È il caso dei precari della scuola: proprio il mondo dell’educazione, che sta passando un periodo nerissimo in quanto a scarsità di fondi, è stato indicato come un possibile beneficiario dei risparmi che si otterrebbero rinunciando all’acquisto dei 131 velivoli. Curioso un cartello esposto da un manifestante, che si rivolgeva già a Mario Monti: “Monti, prima cosa da fare: tagliare la spesa militare, NO F35”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta a Milano: “C’era la foto di Falcone e Borsellino, il boss fece spostare i tavoli”

next
Articolo Successivo

Berlusconi dimesso,
una festa amara

next