Un lutto ha fatto chiudere un intero ufficio. Si tratta della Motorizzazione civile di Bologna, che ieri non si è resa disponibile al pubblico per tutto il giorno. Tutti a casa i sei dipendenti. E ora la Procura di Bologna ha aperto un fascicolo conoscitivo. Probabile, in questi casi, la configurazione del reato di interruzione di pubblico servizio. Ma anche il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha aperto un’indagine amministrativa per accertare l’accaduto.

Un utente, che ieri si era recato negli uffici di Via dell’Industria, in zona Roveri, stupito dalle serrande abbassate ha chiamato la polizia. La volante, dopo aver raggiunto la sede, ha preso contatto con un responsabile.

Il risultato non è stato confortante. Infatti il responsabile ha confermato quanto c’era scritto sul cartello di ingresso, cioè che gli uffici erano chiusi per lutto. La morte di una dipendente di 50 anni, infatti, ha portato tutti i colleghi alla decisione di chiedere un permesso per andare al funerale. La chiusura, comunque, non ha interessato tutti gli uffici, ma si è limitata allo sportello relativo ai passaggi di proprietà delle vetture e la chiusura al pubblico sarebbe stata anticipata di un’ora: alle 11, anziché alle 12.

E la Procura si è mossa. Il procuratore aggiunto Valter Giovannini, in veste di coordinatore dei reati contro la pubblica amministrazione, ha aperto un’inchiesta su quella scelta da parte dei dipendenti. Il fascicolo per ora è a “modello 45”, cioè conoscitivo, per capire i tempi e le modalità della chiusura.

Gli inquirenti vogliono dunque comprendere se la chiusura degli uffici nel corso di tutta la giornata di ieri possa configurare qualche reato. Probabile, in queste circostanze, che si ipotizzi il reato di interruzione di pubblico servizio.

Ma anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, ha disposto un’indagine amministrativa, per accertare l’accaduto e assumere eventuali provvedimenti. Matteoli avrebbe, inoltre, chiesto una relazione al direttore generale competente.

(n.l.)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ancora una fuga dal Cie di Bologna. Situazione al limite del collasso

next
Articolo Successivo

Lidia Ravera: “Sono una moralista fiscale, chi non paga le tasse è un verme”

next