La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di peculato per il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, al termine dell’inchiesta su una serie di spese sostenute con una carta di credito aziendale. L’indagine e’ coordinata dal procuratore aggiunto, Alberto Caperna. Nel corso dell’interrogatorio che si è svolto nel luglio scorso, Augusto Minzolini si è difeso sostenendo che si era trattato di spese di rappresentanza e i vertici aziendali non avevano mai obiettato qualcosa.

“Tenendo conto come vanno le cose in questo Paese e che l’esposto da cui nasce la vicenda porta la firma dell’ex pm Antonio Di Pietro, me lo aspettavo”. Così Minzolini ha commentato la notizia. “Io – ha ribadito – comunque sono tranquillo e ho la coscienza a posto su una vicenda che ho gia’ chiarito con l’azienda”, conclude Minzolini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tangenti a Sesto San Giovani
Davanti ai pm l’ex braccio destro di Penati

prev
Articolo Successivo

Le proteste degli indignati in tutta Italia
Uova a Montecitorio dopo il voto di fiducia

next