La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di peculato per il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, al termine dell’inchiesta su una serie di spese sostenute con una carta di credito aziendale. L’indagine e’ coordinata dal procuratore aggiunto, Alberto Caperna. Nel corso dell’interrogatorio che si è svolto nel luglio scorso, Augusto Minzolini si è difeso sostenendo che si era trattato di spese di rappresentanza e i vertici aziendali non avevano mai obiettato qualcosa.

“Tenendo conto come vanno le cose in questo Paese e che l’esposto da cui nasce la vicenda porta la firma dell’ex pm Antonio Di Pietro, me lo aspettavo”. Così Minzolini ha commentato la notizia. “Io – ha ribadito – comunque sono tranquillo e ho la coscienza a posto su una vicenda che ho gia’ chiarito con l’azienda”, conclude Minzolini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti a Sesto San Giovani
Davanti ai pm l’ex braccio destro di Penati

next
Articolo Successivo

Le proteste degli indignati in tutta Italia
Uova a Montecitorio dopo il voto di fiducia

next