Apprendo con sollievo che gli onorevoli Pedica e Zazzera, dell’Italia dei Valori (non la chiameremo, una volta tanto, Idivù, come una dismessa divinità esotica, per ricordare la responsabilità etica insita nel marchio) sono stati scagionati dall’accusa di aver ricevuto sesso in cambio di posti di lavoro. La signora che si è prestata a ricevere il seme degli augusti “membri” del “club maschile Montecitorio” è stata sedotta (dalla promessa di entrare nell’ufficio legislativo del Parlamento) ma non menata.

Affiora una riflessione triste sulla salute della componente maschile della nostra classe dirigente: attraversano, i cari ragazzi, un momento di insicurezza fallica, una debolezza dell’io epocale.  Possibile che nessuno s’azzardi a scommettere sul proprio fascino, sui muscoli, sulla dolcezza, sull’ars amatoria, sulla facondia, sulle capacità affettive?  Troppi, da destra a sinistra, si costringono a pagare l’amore col potere. Come se fossero, chi più chi meno, diventati impotenti.

Il Fatto Quotidiano, 14 ottobre 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alison correva a piedi

prev
Articolo Successivo

La Bellezza che protesta

next