La gigantesca orgia di appalti dell’Alta velocità è stata pagata finora, e sarà ancora pagata per molti anni, dai pendolari. Il calcolo prodotto nel sesto capitolo di “Il libro nero dell’alta velocità” è impressionante nella sua semplicità. Il progetto varato nel 1991 sarà completato se va bene nel 2020, e secondo le stime più attendibili costerà 96,8 miliardi di euro. Da dove escono questi soldi? Secondo Ivan Cicconi solo un terzo della cifra risulta stanziata nei bilanci dello Stato di questi anni. Un altro terzo è costituito da prestiti delle banche, oggi a carico di Fs. E il terzo che manca? Rivela Cicconi: “Lo Stato ogni anno con il contratto di programma trasferisce alle FS le risorse necessarie per garantire il servizio ferroviario universale: nel periodo di riferimento mediamente una cifra di circa 4 miliardi di euro all’anno.

Bene, ogni anno i boiardi delle società di Stato hanno sottratto circa un quarto di queste risorse al servizio universale per coprire i costi per realizzare le infrastrutture, nodi e linee aeree, e per acquistare il materiale rotabile, ETR 500, per il servizio Alta velocità. Tutti i cittadini italiani hanno pagato, stanno pagando e pagheranno la bugia del finanziamento privato, mentre, per offrire un servizio di mobilità veloce al 5 per cento degli utenti ferroviari, al restante 95 per cento sono stati e saranno scippati circa un miliardo di euro ogni anno, per trent’anni”.
Non è azzardato prevedere che i contribuenti italiani dovranno fare i conti con la voragine Tav per altri decenni. Nessun contratto risalente al 1991 è stato ancora chiuso, su ogni tratta costruita dai cosiddetti “general contractor” c’è un’imponente massa di contenziosi aperti sui costi da riconoscere. E soprattutto, come Cicconi spiega in dettaglio nel sesto capitolo, è ancora tutta da scrivere la pagina dei nodi urbani, cioè le opere di penetrazione e attraversamento delle città: Milano, Bologna, Firenze. Interventi costosissimi, complicatissimi, sui quali ancora, dopo vent’anni, “si naviga a vista”.

scarica in pdf

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il libro nero dell’alta velocità Capitolo 5 – Tavola ricca e commensali illustri

prev
Articolo Successivo

Il libro nero dell’alta velocità – Capitolo 7
La tangentopoli dello stato post keynesiano

next