Uno dei più validi paladini della truffa dell’Alta Velocità è stato Giancarlo Cimoli, amministratore delegato delle Fs dal settembre 1996, quando fu chiamato dal governo Prodi (ministro dei Trasporti Claudio Burlando) a sostituire Lorenzo Necci, arrestato insieme all’amico Pier Francesco Pacini Battaglia nell’ambito di un’inchiesta per tangenti della procura della Spezia. All’indomani degli arresti si pose il problema di rivedere tutto l’affare Alta velocità, assai sospetto. Ma Cimoli, d’accordo con il governo, inventa la più gattopardesca delle soluzioni. Scrive Ivan Cicconi nel quinto capitolo di “Il libro nero dell’Alta velocità“: “TAV SpA, anziché essere cancellata, viene trasformata in una società al 100% di FS SpA, garantendo così la continuità di tutti i contratti dei general contractor, caricando sui conti pubblici tutti gli oneri futuri della bugia del finanziamento privato e premiando gli stessi “privati”, complici ed attori, con il rimborso della loro quota”.
Pier Luigi Bersani, ministro dei Trasporti nel 2000 e fino alle elezioni del 2001 vinte da Silvio Berlusconi, è stato l’unico politico a tentare uno stop almeno parziale alla straordinaria porcheria dell’affare Tav, con l’idea di annullare l’affidamento delle tratte, date ai cosiddetti general contractor senza gara. Ma anche lui fu beffato da Cimoli, che in seguito sarà premiato dal governo Berlusconi, che lo manderà a finire di distruggere l’Alitalia. Racconta Cicconi: “Lo stesso ministro, di fronte all’inerzia dell’amministratore delegato, fu costretto a presentare senza successo prima un emendamento ad un disegno di legge per la conversione di un decreto, poi un progetto di legge mai arrivato in aula. Riuscì a far diventare norma la sua richiesta di azzerare i contratti TAV con l’articolo 131 della Legge finanziaria per il 2001. All’inizio del 2000, fra le tratte ancora in fase di progettazione vi era ancora la Torino-Milano. Su pressione della FIAT e della nuova proprietà di Impregilo, Cimoli, nonostante il progetto di legge già depositato in Parlamento che ne prevedeva l’azzeramento, accelera la firma dell’atto integrativo per l’apertura dei cantieri. La firma con il general contractor FIAT SpA ci sarà prima che quella previsione, il 1 gennaio 2001, diventasse norma di legge”.

scarica il capitolo 5 in pdf

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il libro nero dell’alta velocità
Capitolo 4 – La vera storia della Tav

next
Articolo Successivo

Il libro nero dell’alta velocità Capitolo 6 – I costi veri dell’Alta velocità

next