cane sequestrato Comunicato numero 0.

Un nucleo armato di guinzaglio della colonna Lelio Luttazzi ha prelevato e fatto prigioniero il cane bastardo Cartier, servo fedele della Brambilla, sempre in prima linea nell’azzannamento dei proletari e pronto a scodinzolare ai padroni per un osso e un tozzo di pane.

Privo di qualsiasi coscienza di razza e di classe, Cartier ha perfettamente capito di essere sottoposto al nostro potere pieno e incontrollato e non ha esitato a tradire il padronato andando più volte a riprendere la falce e il martello che gli abbiamo lanciato nel prato. Ha ammesso di aver scodinzolato e guaito alla Brambilla, e di aver così tradito sia la dignità che il buon gusto, e di aver scodinzolato alla proiezione di Lassie con Liz Taylor.

Il tribunale proletario ha giudicato Cartier colpevole di crimini contro la classe, stupro contro cagnette indigenti, condotta di vita parassitaria nel giardino della Brambilla, latrati disumani contro cani senza cuccia o borderline.

Potete salvarlo soltanto consegnandoci una foto della Brambilla priva di trucco, cerone, protesi, applique, autoreggenti coscioreggenti e con i capelli al naturale. La foto va consegnata in un contenitore di piombo.

Se non avremo risposte entro 24 ore, la sentenza contro Cartier diventerà esecutiva ed il bastardo sarà costretto ad ascoltare “El can de Trieste” del compagno Luttazzi ininterrottamente fino alla fine dei suoi giorni.

Comandante Calazio

Caposbrigata Concezio

Logistica Prenunzia

clicca qui per ingrandire il volantino


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parlamentare o presidenziale?

prev
Articolo Successivo

Gheddafi? Doveva imparare da noi!

next