Sui giornali si allineano parole comprensibili soltanto dai nativi (italiani di madrelingua, anzi no: di padrelingua, la lingua delle madri è più normale): basta col porcellum! Rivogliamo il mattarellum! È tornato l’asinello!

Il sospetto è che la sindrome da DSN (demenza senile nazionale) si stia allargando: ogni giorno si espone la lista delle trovate che dovrebbero tirar fuori L’Italia dalla m…. e immergerci direttamente gli italiani. Ieri sono saltati il contributo di solidarietà (essere votati da un maggioranza di cafonazzi egoisti è una bella menata), sono stati ridotti i tagli agli enti locali (aver stivato proprio lì un bel po’ di quelli che ti portano voti è una bella menata), son stati rinviati i tagli ai costi della politica (aver premiato con un posto in parlamento tutti quelli che ti servivano è una bella menata). Domani chissà. Magari fanno pagare il ticket sulle mulattiere e il pedaggio per entrare in ospedale. La DSN non perdona. Comincia con una leggera confusione lessicale, degenera in confusione mentale.

Si consiglia di non esporsi troppo a lungo all’informazione, in questi giorni. Non nelle ore calde. Non senza protezione.

Il Fatto Quotidiano, 2 settembre 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Beppe Grillo, “da censurato a censore”. Rimosso video: “Violava copyright”

prev
Articolo Successivo

Le colpe dei giornali

next