Come si può pensare, come dice Paola Concia, che il nostro Parlamento stia dalla parte dei violenti? La Lega – non c’era da stupirsi – ha votato compatta, ne sarà stato felice Borghezio, quel pacioso buon uomo e padre di famiglia, che ha appena definito alcune idee del terrorista norvegese Breivik buone, anzi, ottime. Entusiasta del risultato anche Giovanardi, che è costretto a comprare i mobili a Lissone (belli, ma cari) da quando per principio si rifiuta di andare all’Ikea: tutto può sopportare ma due uomini che si tengono per mano davanti alla libreria Uttala, questo è troppo. E che dire di un governo che ha come capo un personaggio che si definisce orgoglioso di non essere gay: puttaniere ladro bugiardo sì ma gay mai! Un parlamento che ha tra le sue file molti gay, gli stessi che votano contro una legge per tutelare i gay. Ma una legge contro l’ipocrisia e la vergogna non esiste ancora.

Un paese, l’ultimo ormai dei paesi civili, dove non si possono celebrare unioni omosessuali, ma, se si picchiano, l’omofobia non è un’aggravante. Mica è l’odio che muove certa gente ad aggredire gli omosessuali, è che non sopportano il colore di certe camicie. Del resto il Ku Klux Klan picchiava, torturava, impiccava, stuprava i neri mica perché erano neri, ma perché stonavano nei gospel!

E’ inutile che ci scervelliamo a capire perché in Italia non si possano avere le stesse leggi giuste approvate nel resto dell’Europa. E’ presto detto: qui c’è il Vaticano, altrove non c’è e tutti i governi che si sono succeduti in Italia non possono e non vogliono inimicarsi il Vaticano. Così è se vi pare e anche se non vi pare. Del resto io penso, come molti pensano, che il Papa sia gay (quelle scarpette rosse di Prada non mi hanno mai convinto) e sarebbe meraviglioso vederlo finalmente mano nella mano con Padre Georg, non fosse che è lui il primo a scagliarsi contro le famiglie “diversamente etero”. Insomma se qualcuno cerca un buon esempio di onestà intellettuale e sincerità morale ha qualcuno a cui ispirarsi. Amen.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, cambia il vento ma
il maschilismo resta

prev
Articolo Successivo

Le amazzoni di Arcore e il sovrano disarcionato

next