Le discriminazioni sono odiose sempre e lo sono tutte. Mentre ha un senso ed è sicuramente legittimo che un datore di lavoro richieda, in sede di selezione di personale destinato ad intrattenere rapporti con il pubblico, requisiti quali attitudini relazionali, bella presenza, ecc., mi sta lasciando perplesso una certa tendenza in voga soprattutto nelle più celebrate vie della moda delle grandi piazze internazionali del fashion come New York, Milano e Parigi, di selezionare il personale anche in base all’orientamento sessuale.

Sono gli etero, questa volta, da tutelare perchè qualcuno mi deve spiegare che cosa c’entri il presunto look di un orientamento sessuale con una mansione quale quella di gerente o di commesso di negozio: non è mica una moda! Con i problemi di disoccupazione che ci sono, manca solo che qualcuno debba atteggiarsi secondo un orientamento che non gli è proprio per trovare lavoro!

Penso che questa tendenza non sia casuale, ma faccia parte degli eccessi di una certa “fenomenologia”, del modo cioè di voler apparire, delle varie maison. E poichè rispetto il lavoro e gli investimenti che stanno dietro questo mondo luccicante, chiedo un po’ più di serietà e di rispetto per la persona, per tutte le persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Modificare legge sui fondi vittime usura”
Frediano Manzi in sciopero della sete

prev
Articolo Successivo

10 anni di Genova,
terra di nessuno

next