Nell’economia avanzata dei servizi, il bene più scarso in circolazione – ma dal più alto valore aggiunto – sono le idee. “Se hai un’idea devi alzare la voce” è, non a caso, una delle massime che Steve Jobs rifila volentieri ai suoi dipendenti. Certo, non tutti sarebbero in grado di immaginare l’iPhone. Ma tra la folla di cervelli che popolano Internet, si nascondono di certo delle buone idee che possono, se aiutate, trovare spazio.

Questa riflessione è alla base di nuovi social network che provano a farsi largo nella giungla delle start-up. “Ahhha”, l’esclamazione tipica di chi è colto da un’ispirazione, è il nome del sito lanciato negli Usa da un ventottenne, Matt Crowe. “What’s your idea?”, qual è la tua idea?, la domanda che accoglie il navigatore. Ognuno può proporre la sua trovata e sono poi gli iscritti di Ahhha a votare la proposta più convincente. “Non è il sito a dire se la tua idea è buona o cattiva – spiega Crowe a Cnn.com –, ma è la community”. Non finisce qua: una volta che un’idea ha raccolto consensi, il sito si impegna a trovare fondi per trasformare ilsogno in realtà.

Crowe non è stato l’unico ad avere, appunto, una simile “idea”. È online dal primo marzo, WyGet.com, realizzato dall’italiano Luca Pagani, studente di Cambridge che con un collega ha lanciato questo sito di ricerche di mercato “social”. Come sul portale americano, gli utenti suggeriscono idee o “prodotti” e votano i migliori. Le aziende possono quindi utilizzare le informazioni postate per realizzare prodotti che interessino al mercato (o possono, a pagamento, chiedere un’indagine specifica).

Tutti e due i progetti, per quanto possano risultare buoni, fanno affidamento solo sui “contenuti generati dagli utenti”. E per ora, soprattutto su Ahhha, protagoniste sono proposte “divertenti” come “un vino rosso “pulito” che non sporca i denti”. Un’idea anche questa, non c’è dubbio. Ma sono quelle buone ad essere scarse.

Il Fatto Quotidiano, 19 aprile 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Musica, video e dati nella “nuvola telematica”
Guerra Google-Apple sul cellulare del futuro

next
Articolo Successivo

Sms a rischio estinzione
è boom messaggistica istantanea

next