“Spaventati no, perché siamo abituati alla piazza. Il problema è che siamo in notevole minoranza”. A parlare è uno dei poliziotti inviati a Lampedusa da una città del nord. In molti hanno condiviso la sua scelta, hanno fatto di tutto per poterci essere, per poter arrotondare lo stipendio magro della Polizia di Stato. E qualcuno se n’è anche pentito. “Mi ero reso conto che il fenomeno era in aumento – racconta a Il Fatto – ma non pensavo che la situazione potesse essere questa”. Dormono in albergo, queste divise, e certo non se ne lamentano, ma i turni di lavoro sono massacranti: “C’è sempre bisogno di aiuto per gestire il flusso. Di solito lavoriamo o la mattina o il pomeriggio, ma capita spessissimo che montiamo prima del tempo o smontiamo dopo. Il clima è molto teso, gli isolani non ne possono più e noi dobbiamo mantenere la calma. Facciamo servizio all’interno del centro di accoglienza oppure alla stazione marittima. Ci impiegano anche durante la distribuzione dei pasti. Gli immigrati sono tanti e vanno gestiti: qualcuno di loro tenta di fare il furbo, di fare due volte la fila per mangiare. E noi siamo troppo pochi”.

“Finora non abbiamo assistito a situazioni di pericolo – spiega ancora – anche se c’è qualcuno più focoso di altri. Ma non abbiamo mai dovuto far ricorso all’uso della forza, anche perché gli stranieri non hanno nessun interesse a esacerbare il clima”. I poliziotti hanno in dotazione guanti e mascherina, non hanno fatto alcun tipo di profilassi: “Non sappiamo con chi abbiamo a che fare e questa fogna a cielo aperto può essere pericolosa. Cerchiamo di tenerci un po’ a distanza”. Colui che parla non crede all’idea che si stia cercando la rivolta: “Credo solo che abbiano sottovalutato il fenomeno. Spero davvero che mandino rinforzi”.

da Il Fatto Quotidiano del 29 marzo 2011

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incubo Fukushima in una scuola di Saronno
alunni in classe nell’intervallo

next
Articolo Successivo

Lampedusa, Bossi: “Tutti fora dai ball”
Maroni: “Da domani si risolverà tutto”

next