Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Giuseppe Pignatone e Giuseppe Lombardo, procuratore distrettuale e sostituto procuratore antimafia di Reggio Calabria in replica all’articolo Reggio Calabria, busta con proiettile di mitra per il pm antimafia

Egr. Direttore,

in relazione al passaggio dell’articolo stampa indicato in oggetto, a firma di Lucio MUSOLINO, in cui si afferma che: “Nei confronti di quest’ultimo (il consigliere comunale Michele Marcianò, n.d.r.), come emerge dall’audizione del magistrato intimidito davanti alla commissione parlamentare antimafia, il pm Lombardo aveva chiesto l’arresto che, però, non è stato vistato dal procuratore capo Giuseppe Pignatone il quale ha preferito proseguire le indagini per raccogliere ulteriori elementi sul secondo troncone dell’inchiesta”, appare doveroso precisare che lo stesso è assolutamente destituito di fondamento.

Come ribadito dal dott. LOMBARDO in sede di audizione davanti la Commissione Parlamentare Antimafia il sig. MARCIANO’ Michele non è iscritto nel registro degli indagati, perché non vi sono elementi a suo carico.

Pertanto non è mai stata predisposta nei suoi confronti alcuna richiesta di applicazione di misura cautelare.

Voglia darne diffusione attraverso gli stessi mezzi utilizzati per diffondere la notizia di cui sopra.

Distinti saluti.

Reggio Calabria, lì 03 marzo 2011.

IL PROCURATORE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

Giuseppe PIGNATONE

IL SOSTITUTO PROCURATORE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

Giuseppe LOMBARDO

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi: “Ho le prove
Ruby non era minorenne”

next
Articolo Successivo

Giustizia, Berlusconi: “Prescrizione breve? Non ne so nulla”

next