“Borsellino era l’ostacolo naturale sulla strada della trattativa. Non potevano lasciarlo vivo”. Marco Travaglio

La storia del giudice Borsellino dall’infanzia alla strage di Via D’Amelio, attraverso il racconto del fratello Salvatore, le parole del figlio Manfredi e i ricordi dei colleghi di lavoro.
I giornalisti Travaglio e Biondo ricostruiscono la trattativa tra Stato e Mafia che si suppone causa dell’omicidio del giudice.





Durata: 1h 26m
Produzione: Associazione “Le Agende Rosse”
Regia e montaggio: Marco Canestrari
Soggetto: Marco Canestrari e Salvatore Borsellino

Hanno partecipato: Antonio Ingroia, Antonino Di Matteo, Marco Travaglio, Nicola Biondo, Gioacchino Genchi, Giuseppe Lo Bianco, Lidia Undiemi, Cecilia Sala, Luigi Amico, Salvatore Borsellino, Umberto Lucentini, Claudio Gioè.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fini: “Serve senso dello Stato”

next
Articolo Successivo

Legittimo impedimento, la Consulta
Il giudice valuti la natura dell’impegno

next