Il governo arriverà al voto di sfiducia tutto intero, o quasi. In attesa del voto del 14 dicembre, infatti la prossima settimana la Camera non lavorerà. Salta, quindi, l’annunciata mozione di sfiducia al ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi. Il premier, insomma, vuole evitare “intrighi di palazzo” che procurino altre grane mentre la trattativa per superare il voto di fiducia. Già, la fiducia: l’Udc ha annunciato oggi che presenterà una propria mozione, sperando nelle dimissioni spontanee del premier.

Intanto, però, in una inedita versione dell’arrocco nella partita politica, Montecitorio chiude per una settimana. A stabilirlo è stata la conferenza dei capigruppo che ha accolto la richiesta arrivata dal Pdl. “In pendenza della mozione di sfiducia abbiamo ritenuto opportuno che non vi fossero lavori parlamentari su questioni delicate”, ha spiegato Fabrizio Cicchitto. La richiesta è stata appoggiata da Lega e Fli. Contrario invece il Pd: “Noi abbiamo fatto presente che sarebbe stato opportuno mantenere il calendario fissato”, ha riferito Dario Franceschini.

Resta l’incognita della finanziaria: in caso di modifiche al Senato, Montecitorio dovrebbe riunirsi per la terza lettura. “Se per fini puramente dilatori il ddl stabilità dovesse tornare alla Camera, siamo disponibili a completare la terza lettura in due ore”, ha assicurato Franceschini. Tra l’altro, il partito democratico ha chiesto un passaggio in aula, e non solo in commissione, del piano nazionale di riforma che il governo dovrà presentare all’Ecofin.  Quanto alla mozione Bondi, per il capogruppo del Pd non sarà più necessaria. “Dopo il 14, Bondi non sarà più ministro” ha assicurato, “ho buoni motivi per ritenere che la mozione di sfiducia sarà approvata”. Di ben altro avviso Cicchitto. “Sono sicuro che il governo riprendera’ l’attivita’ nel pieno della sua azione politica”, ha detto.

Quale che sia l’esito della mozione di sfiducia, la mattina del 15 dicembre la conferenza dei capigruppo di Montecitorio tornera’ a riunirsi per ristabilire il calendario. Di certo dovra’ comunque essere convertito il decreto rifiuti, ha ricordato anche il presidente della Camera Gianfranco Fini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl Gelmini approvato grazie ai finiani

prev
Articolo Successivo

Nei sondaggi di corriere.it vola la fiducia di B.
L’ordine di voto lo dà la newsletter di Silvio

next