“Fuori la mafia dallo Stato”, “Fuori Dell’ Utri dal Senato”. Un centinaio di studenti universitari e alcuni esponenti del movimento ‘Agende Rosse’, guidati da Salvatore Borsellino, sono scesi in piazza Carlo Felice, a Torino, per contestare Marcello Dell’Utri. Il senatore del Pdl è giunto nel capoluogo piemontese per presentare i Diari di Mussolini, dopo qualche attimo di tensione l’incontro con il pubblico alla libreria Fogola è cominciato.

“Queste manifestazioni sono fatte proprio da chi vuole la democrazia. Se democrazia è impedire di parlare, lasciamo ogni commento”. Così esordisce Marcello Dell’Utri in una sala occupata da 72 persone (di cui 22 iscritti al Circolo del buon governo). “I manifestanti – continua – contestano la possibile agiografia di Mussolini, ma noi siamo qui per presentare un libro che è giusto che sia stampato, sia letto e sia studiato perché è giusto che la verità sia studiata con tutti i mezzi”.

Mentre fuori i manifestanti continuano la contestazione, dell’Utri legge alcune pagine del diario: “1939, Mussolini a Torino per l’inaugurazione dello stabilimento Mirafiori”. L’incontro s’è svolto all’interno della libreria in assoluta calma.

“Sono qui per guardare in faccia un mafioso che è diventato senatore”. Così dice Salvatore Borsellino, fratello del celebre magistrato ucciso dalla mafia tiene in mano il libro ‘Paolo Borsellino e l’agenda rossa’, lo stesso che sventolano con le braccia alzate i circa 200 manifestanti. “Trovo indecoroso – ha ancora detto Borsellino – che in Italia sia senatore una persona condannata per concorso esterno alla mafia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, accordo governo regioni: ma Zaia dice no

next
Articolo Successivo

Sanitopoli, a giudizio ex governatore
dell’Abruzzo Ottaviano Del Turco

next