Sabato 20 novembre 2010, in occasione della manifestazione organizzata da Salvatore Borsellino, dal Movimento delle agende rosse e delle scorte civiche, per tutelare i magistrati impegnati a scoprire la verità sulle stragi del ’92 e ’93, e soprattutto il magistrato Antonino Di Matteo (sottoposto ad accertamenti per opinioni espresse nella sua veste di Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati di Palermo), ilfattoquotidiano.it ha intervistato il pm Nino Di Matteo e il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia. I due hanno analizzato il rapporto tra mafia e politica, prendendo anche in considerazione le recenti sentenze su Domenico Miceli e Marcello Dell’Utri.
A cura di Martina Di Gianfelice

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia che immagino

next
Articolo Successivo

Agende rosse a Palermo
Parla Salvatore Borsellino

next