I tifosi serbi che nel pomeriggio hanno provocato degli scontri fuori dallo stadio Marassi di Genova hanno continuato sugli spalti. La polizia è dovuta intervenire entrando nello stadio e in massa sul campo. Le due squadre, Italia e Serbia, che dovevano giocarsi la partita di qualificazione agli europei, erano già al centro del campo per i consueti inni. Ma i vertici delle forze dell’ordine, dopo un lancio fitto di petardi e fumogeni degli ultras serbi, ha consigliato alle due nazionali di rientrare negli spogliatoi. I supporters serbi hanno dato fuoco anche ad alcune bandiere. I poliziotti sono schierati sulle entrate della curva dei tifosi balcanici. La decisione sembra essere quella di creare un varco per far uscire gli ultras. Alle nazionali è stato poi consigliato di rientrare in campo e giocare per far abbassare la tensione sugli spalti. Ma dopo soli 7 minuti di gioco e un nuovo lancio di fumogeni in campo, la partita è stata sospesa. I celerini sono tornati in campo e in posizione antisommossa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Avviso: i commenti restano bloccati (speriamo di ripristinarli al più presto)

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello 11, il figlio di un camorrista nel cast

next