Abuso di auto blu in Friuli Venezia Giulia nel mirino della Corte dei conti. Il Tribunale contabile ha aperto un’inchiesta proprio per verificare eventuali danni erariali causati dall’utilizzo dell’auto di rappresentanza (per fini privati) da parte del presidente del Consiglio regionale, il leghista Edouard Ballaman. L’iniziativa è stata avviata a seguito di un articolo pubblicato questa mattina dal quotidiano “Il Messggero Veneto”: il giornale riferisce di una serie di episodi nei quali, dal 2008 al marzo 2010, Ballaman avrebbe utilizzato l’auto blu e l’autista per finalità non istituzionali. In particolare, il Messaggero Veneto riferisce di viaggi a Caorle (Venezia), dove Ballaman ha una casa per le vacanze, e in località dove si svolgevano iniziative o incontri politici della Lega Nord. Sono inoltre elencati tragitti per “impegni professionali”, verso la casa della fidanzata e attuale moglie in provincia di Venezia. E ancora, viaggi diretti ad aeroporti del Nord Italia non collegati a impegni istituzionali.

Nell’aprile 2010 Ballaman ha rinunciato all’auto blu ottenendo il rimborso chilometrico di 3.200 euro al mese previsto per i consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia. Il presidente del Consiglio regionale ha dichiarato di essere sereno e tranquillo. “Ho visto una notevole serie di anomalie e incongruenze sui dati riportati dalla stampa. A ogni modo, ho dato mandato a un legale affinchè si proceda nelle sedi opportune”. Ballaman non ha rinunciato a qualche polemica: “Sono assolutamente sereno – ha aggiunto – e preferisco il giudizio della Corte dei Conti, nella quale ho la massima fiducia, rispetto a quelli sommari di qualche giornalista”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lungaggini e fondi fantasmi, l’Expo incubo
per Milano. E dietro l’angolo rispunta Smirne

prev
Articolo Successivo

Annuncia suicidio sul blog, la polizia postale di Catania lo salva

next