ATENE – La stragrande maggioranza dei neolaureati e dei laureandi greci è pronta a lasciare il paese per cercare un lavoro all’estero e ritiene che le misure adottate per superare la crisi economica non tengano conto dei loro problemi. E’ quanto emerge da un sondaggio pubblicato dal quotidiano socialista To Vima e realizzato dalla società Kappa su un vasto campione di 5.442 giovani trai 22 e i 35 anni che hanno completato o stanno completando gli studi universitari.

Secondo l’inchiesta il 45% di coloro che si dicono favorevoli a trasferirsi all’estero stanno già adoprandosi in tal senso e il 66% sono motivati dalla ricerca di un lavoro che in Grecia non hanno trovato o ritengono di non poter trovare. Una parte (13%) intende invece proseguire gli studi all’estero. Oltre l’86% degli intervistati ritiene che le soluzioni proposte per far uscire la Grecia dalla crisi continuano ad ignorare le loro necessita’, ed esprimono pochissima fiducia nel governo e nei partiti politici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra di ‘carta’ in Argentina tra il governo e i giornali

next
Articolo Successivo

Friends of the Earth: “I carburanti verdi minacciano l’agricoltura africana”

next