ATENE – La stragrande maggioranza dei neolaureati e dei laureandi greci è pronta a lasciare il paese per cercare un lavoro all’estero e ritiene che le misure adottate per superare la crisi economica non tengano conto dei loro problemi. E’ quanto emerge da un sondaggio pubblicato dal quotidiano socialista To Vima e realizzato dalla società Kappa su un vasto campione di 5.442 giovani trai 22 e i 35 anni che hanno completato o stanno completando gli studi universitari.

Secondo l’inchiesta il 45% di coloro che si dicono favorevoli a trasferirsi all’estero stanno già adoprandosi in tal senso e il 66% sono motivati dalla ricerca di un lavoro che in Grecia non hanno trovato o ritengono di non poter trovare. Una parte (13%) intende invece proseguire gli studi all’estero. Oltre l’86% degli intervistati ritiene che le soluzioni proposte per far uscire la Grecia dalla crisi continuano ad ignorare le loro necessita’, ed esprimono pochissima fiducia nel governo e nei partiti politici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guerra di ‘carta’ in Argentina tra il governo e i giornali

next
Articolo Successivo

Friends of the Earth: “I carburanti verdi minacciano l’agricoltura africana”

next