Benedetto XVI, salutando al termine dell’Angelus i pellegrini di lingua francese, ha sottolineato come la chiamata di tutti gli uomini “alla salvezza”, di cui parlano i testi liturgici odierni, sia “anche un invito a saper accogliere le legittime diversità umane, al seguito ’di Gesu’ venuto a riunire gli uomini di tute le nazioni e di tutte le lingue”. Ha poii aggiunto il Papa: “’Cari genitori possiate educare i vostri figli alla fraternita’ universale”.

Il monito del pontefice arriva dopo le polemiche scatenata dalle parole dle minsitro dell’Interno Bobo Maroni sulla volontà di arrivare ad espellere anche gli immigrati comunitari. “Vogliamo anadre oltre Sarkozy – aveva detto il capo del Viminale in un’intervista al Corriere della Sera. Posizione che oggi viene ribadita anche dal sindaco di Milano letzia MOratti. Il primo cittadino di palazzo Marino sempre dalle colonne del Corsera si è detta dì’accordo. “Sì alle esplusioni e no na rimpatri che nons ervono a nulla”.

La posizione delPdl ieri era stata aspramente criticata dalla Cei che ha vinvolato ogni decisione del governo italiano al rispetto delle direttive europee.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Espulsioni comunitari, la Cei bacchetta il governo e il ministro Maroni

prev
Articolo Successivo

La terra trema in Sicilia. Bertolaso, tutto a posto?

next