L’ex ministro Aldo Brancher è stato condannato a 2 anni di reclusione e 4mila euro di multa a Milano nell’ambito del processo , con rito abbreviato su un filone dell’inchiesta sulla tentata scalata ad Antoveneta da parte di Bpi.

Il pm Eugenio Fusco questa mattina aveva chiesto per l’ex ministro una condanna a 2 anni di reclusione e 6 mila euro di multa. Tale richiesta è stata in sostanza accolta dal giudice.

Il giudice monocratico Annamaria Gatto ha giudicato Brancher colpevole di due episodi di ricettazione e altri due episodi di appropriazione indebita. In particolare la condanna ha riguardato anche il capo 6 d’imputazione relativo all’episodio che coinvolgeva anche il ministro Roberto Calderoli la cui posizione era stata, in passato, archiviata. Tale episodio riguarda la ricettazione di 200mila euro recapitati dall’ex ad di Bpi Gianpiero Fiorani all’allora parlamentare in una busta il 31 marzo 2005. L’ex ministro, invece, è stato assolto nell’ambito di ulteriori due capi di imputazione. Il giudice ha quindi stralciato la posizione della moglie del politico, Luana Maniezzo disponendo la trasmissione degli atti per competenza al tribunale di Lodi.
“Il processo ha piu’ gradi di giudizio. Vedremo cosa fare dopo le motivazioni”. E’ questo il primo commento del legale di Brancher, avvocato Pier Maria Corso, dopo la condanna del suo assistito. “Il giudice – aggiunge – ha condiviso parzialmente la linea difensiva”.

”Adesso esiste la prova provata che la nomina a ministro di Brancher è stata effettuata solo per sottrarlo alla condanna nel processo Antonveneta”, dichiara il Presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli che aggiunge: “Adesso Berlusconi si assuma la responsabilità politica di una nomina immorale ha messo in imbarazzo anche il Presidente della Repubblica e rassegni immediatamente le proprie dimissioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’On.le Verdini interviene sui suoi rapporti con Dell’Utri

prev
Articolo Successivo

E ora chiedete scusa a De Magistris

next